19th Ave New York, NY 95822, USA

Coronavirus Stampa 3D – Maschera per respiratori ospedalieri

DOBBIAMO FARE QUALCOSA.

Visto il momento delicato che ci troviamo ad affrontare in questi giorni a causa del Coronavirus COVID-19, con le autorità che consigliano di non uscire di casa e con gli ospedali sempre più saturi e in difficoltà, anche noi di KREA Italy ci siamo trovati di fronte ad una decisione difficile: o stare a guardare, nascondendo la testa sotto la sabbia, o prendere di petto la situazione.

Abbiamo optato per la seconda scelta.

Dobbiamo e Vogliamo aiutare tutta la nostra comunità italiana nel miglior modo in cui siamo abituati: con la Stampa 3D!

Noi di KREA Italy siamo una startup leader nel settore di stampa 3d nelle Marche, in provincia di Ancona, e siamo pronti ad aderire al progetto di Isinnova di Cristian Fracassi, l’ingegnere balzato all’onore delle cronache mondiali per aver ingegnerizzato e poi stampato una valvola necessaria ai respiratori dell’ospedale di Chiari. Ma Isinnova non si è fermata a questo.

Da un grande lavoro ingegneristico, visualizzabile QUI, è nata la maschera da snorkeling di Decathlon trasformata in una maschera C-PAP ospedaliera per terapia sub-intensiva dalla società di Fracassi, uno dei componenti che maggiormente stanno mancando nei nosocomi italiani a causa del Coronavirus COVID-19. Partendo come base da una maschera DECATHLON SNORKELING EASYBREATH, si è riusciti tramite la stampa 3D a trasformarla come strumento salvavita di emergenza per i pazienti ricoverati in terapia sub-intensiva per aiutarli a respirare.

Il risultato si è tradotto in maschere C-Pap per la respirazione di emergenza che hanno contribuito a far fronte ad una scarsità di uno strumento di fondamentale importanza per fornire un supporto medico ai pazienti affetti al Coronavirus (Sars-Cov-2). Un progetto realizzato a tempi record: il prototipo delle valvole e del raccordo al respiratore è nato in 7 giorni ed è stato testato nell’Ospedale di Chiari, risultando perfettamente funzionante.

Cristian Fracassi di Isinnova ha commentato:

Ci hanno regalato 20 maschere, a cui abbiamo sostituito il boccaglio con una valvola stampata in 3D che permette di agganciarsi ai tubi dell’ossigeno. Questa nuova valvola si chiama Charlotte. Abbiamo testato il prodotto, una, due, tre, volte. Abbiamo provato in due ospedali, modificando la valvola su indicazioni dei medici. E finalmente ha funzionato. Un progetto semplice e replicabile: abbiamo depositato il brevetto e lo daremo gratuitamente a tutti, in modo che possa essere stampato anche da altri.

Abbiamo già prodotto le prime Valvole Charlotte e siamo pronti a donarle agli ospedali della regione Marche.

Abbiamo aderito a questo progetto con grande gioia per dare concretamente una mano e siamo già pronti con la prima serie di valvole già stampate. #andràtuttobene

DOBBIAMO FARE QUALCOSA.

Visto il momento delicato che ci troviamo ad affrontare in questi giorni a causa del Coronavirus COVID-19, con le autorità che consigliano di non uscire di casa e con gli ospedali sempre più saturi e in difficoltà, anche noi di KREA Italy ci siamo trovati di fronte ad una decisione difficile: o stare a guardare, nascondendo la testa sotto la sabbia, o prendere di petto la situazione.

Abbiamo optato per la seconda scelta.

Dobbiamo e Vogliamo aiutare tutta la nostra comunità italiana nel miglior modo in cui siamo abituati: con la Stampa 3D!

Noi di KREA Italy siamo una startup leader nel settore di stampa 3d nelle Marche, in provincia di Ancona, e siamo pronti ad aderire al progetto di Isinnova di Cristian Fracassi, l’ingegnere balzato all’onore delle cronache mondiali per aver ingegnerizzato e poi stampato una valvola necessaria ai respiratori dell’ospedale di Chiari. Ma Isinnova non si è fermata a questo.

Da un grande lavoro ingegneristico, visualizzabile QUI, è nata la maschera da snorkeling di Decathlon trasformata in una maschera C-PAP ospedaliera per terapia sub-intensiva dalla società di Fracassi, uno dei componenti che maggiormente stanno mancando nei nosocomi italiani a causa del Coronavirus COVID-19. Partendo come base da una maschera DECATHLON SNORKELING EASYBREATH, si è riusciti tramite la stampa 3D a trasformarla come strumento salvavita di emergenza per i pazienti ricoverati in terapia sub-intensiva per aiutarli a respirare.

Il risultato si è tradotto in maschere C-Pap per la respirazione di emergenza che hanno contribuito a far fronte ad una scarsità di uno strumento di fondamentale importanza per fornire un supporto medico ai pazienti affetti al Coronavirus (Sars-Cov-2). Un progetto realizzato a tempi record: il prototipo delle valvole e del raccordo al respiratore è nato in 7 giorni ed è stato testato nell’Ospedale di Chiari, risultando perfettamente funzionante.

Cristian Fracassi di Isinnova ha commentato:

“Ci hanno regalato 20 maschere, a cui abbiamo sostituito il boccaglio con una valvola stampata in 3D che permette di agganciarsi ai tubi dell’ossigeno. Questa nuova valvola si chiama Charlotte. Abbiamo testato il prodotto, una, due, tre, volte. Abbiamo provato in due ospedali, modificando la valvola su indicazioni dei medici. E finalmente ha funzionato. Un progetto semplice e replicabile: abbiamo depositato il brevetto e lo daremo gratuitamente a tutti, in modo che possa essere stampato anche da altri.”

Abbiamo già prodotto le prime Valvole Charlotte e siamo pronti a donarle agli ospedali della regione Marche.

Abbiamo aderito a questo progetto con grande gioia per dare concretamente una mano e siamo già pronti con la prima serie di valvole già stampate. #andràtuttobene